Come ritrovare la tua salute intestinale: riduci l’infiammazione e ripristina l’equilibrio intestinale con l’alcalinizzazione

Close Up Of Female Hands Shaping Heart On Belly

Quante volte vai al bagno mediamente in settimana?

Se ti è sempre stato detto che è normale andarci una volta al giorno, sei sulla strada sbagliata. Il tuo corpo ha bisogno di ben altro.

Leggi attentamente i consigli che troverai in questo articolo e capirai come funziona la fisiologia del tuo intestino.

L’intestino è, come soleva raccontare Ippocrate, il fiume della vita.

Adesso dobbiamo calare questo concetto nel mondo reale.
🐈 Prova a pensare ai felini: hanno un intestino molto corto, un paio di metri.
🐄 O agli erbivori, che hanno un intestino lungo ben oltre i dieci metri.
🏃 E poi c’è l’Homo Sapiens Sapiens, che ha circa 6/7 metri di intestino (varia a seconda del genotipo).
È fondamentale comprendere che circa il 30% dell’energia noi la investiamo per digerire, per recuperare dal mondo esterno alimenti ed elementi e creare energia.

Metabolic Process Of Woman On Diet

Ricordiamoci che il concetto di calorie e peso, nel mondo dell’alcalinità, è completamente superato, come quello di dieta.

Però il focus di questo articolo è legato a quanta energia si investe per assorbire alimenti, e soprattutto quanta energia si investe per sopire l’infiammazione.

La fisiologia ci racconta che tecnicamente il transito intestinale non dovrebbe superare le 16 ore.

Ma bada bene: quando noi ci scarichiamo una volta al giorno, significa che liberiamo l’intestino ogni 24 ore.

Sai quanto ti costano quelle 8 ore in più? Ben oltre un quarto di energia metabolica, ma non tanto quantitativa, bensì qualitativa. Vero è che, nell’intestino crasso e nel retto, si assorbono i liquidi e si creano le feci.

Strong Superhero

Ma un transito lento deve impegnare la mucosa e il nostro corpo nel sopire l’infiammazione. Quindi la qualità dell’energia talvolta è superiore alla quantità.

Ecco perché Ippocrate teneva molto a specificare che  l’intestino non deve essere come uno stagno ma deve essere il nostro fiume della vita: è fondamentale quindi assimilare questo concetto e farlo nostro.

Cosa porta nell’alimentazione moderna a questo incredibile rallentamento?

E quando parliamo di incredibile rallentamento, ci riferiamo proprio a chi evacua una volta al giorno. Non oso pensare alle persone che si scaricano 5 volte la settimana, o addirittura meno!!

Non serve sicuramente un matematico per fare i conti e cominciare a capire che si va sulle 40/50 ore.

Il focus è legato, in prima battuta, al come e quando ci si nutre.

Ma prima di raccontare quale potrebbe essere un consiglio, parliamo di come è fatto l’intestino.

Sono circa 300 metri quadri: un grande campo da tennis. Lì noi attraiamo gli alimenti e gli elementi e siamo coperti da una leggera mucosa.

Il collegamento per capire la fisiologia dell’intestino va fatto sul sistema linfatico. Ricordati che il nostro corpo, che è composto per circa l’80% da acqua, ha solo il 20% di acqua libera. Quella è la linfa: idrata, nutre le cellule e le lava dai residui metabolici.

Quando noi abbiamo un’alimentazione che acidifica, all’interno dell’intestino tenue il cibo non arriva a pH 7, ma arriva poco sotto: sotto 7 il pH è acido e le feci non escono leggermente basiche ma acide.

Dove c’è acidità c’è infiammazione.

L’olobioma, quello che ci viene trasferito tra la placenta e il cordone ombelicale dalla mamma durante la crescita nel grembo materno, comincia ad andare in sofferenza, perché l’ambiente è acido e prolifera la flora batterica acidofila.

Essa, da un certo punto di vista, ci può fare anche comodo: siamo europei, siamo italiani, viviamo di dieta mediterranea e necessitiamo di una parte di flora batterica acidofila per digerire la pizza, il pane e il mondo dei latticini… Ma quando è in eccesso ricordati che, a differenza dell’olobioma, la flora batterica acidofila produce infiammazione.

Da qui inizia la parte fastidiosa del metano, quindi il meteorismo dei gas: fino ad arrivare, non da ultimo, all’acido solforico, che è il denaturato, insieme ai fosfati, di alcune proteine animali.

Un processo detox di alcalinizzazione, quale può essere un protocollo che riporta la linfa da acido a basico, ci regala un riequilibrio del pH dell’intestino.

Il consiglio che possiamo darti è quello di porre maggior attenzione soprattutto al come e quando ti alimenti. Impara a gestire il glucosio a partire dai carboidrati semplici e le verdure. A pranzo ad esempio anteponi sempre ad un primo piatto verdure crude, miste, singole, di stagione condite con olio e limone, insaporite con spezie senza sale.

Per questo articolo è tutto: spero che ti abbia dato spunti preziosi e che ti sia stato utile.

Se hai appena conosciuto il mondo Alkaenergy, abbiamo una sorpresa per te: una mini-serie gratuita da 4 video (su YouTube), in cui potrai scoprire tutte le fondamenta per rivoluzionare la tua vita e sprigionare l’energia che giace dentro di te.

 

In particolare, in questa mini-serie scoprirai:

⚡ Com’è nato Alkaenergy e perchè
⚡ Perchè 3 italiani su 5 hanno problemi legati all’energia e alle infiammazioni
⚡ Il motivo per cui così tante persone hanno problemi di cali di energia, di infiammazione e di sbalzi di concentrazione/umore
⚡ Il metodo semplice per ottenere 2 ore di boost di energia tutte le mattine
⚡ Perché il comune concetto di “Dieta” è completamente sbagliato
⚡ Il legame di tutto ciò con il sistema linfatico (e che cos’è il sistema linfatico)
⚡ Il ruolo e l’importanza dell’alcalinizzazione
⚡ Come scoprire se hai problemi di eccessiva acidità e perchè questo impatta negativamente su tutte le aree della tua vita
⚡ In che modo le fasi lunari condizionano la tua vita
⚡ I tre step del percorso Alkaenergy e come intraprenderlo

Clicca sul pulsante qui sotto per accedere alla mini-serie gratuita su YouTube:

 

Con Alkaenergy potrai generare in maniera definitiva un benessere psicofisico che non sentivi da tempo. Alkaenergy è uno stile di vita che non ti richiede cambi radicali di dieta o attività, e ha già aiutato migliaia di persone in tutta Italia a sentirsi più felici, vitali e riscoprire un benessere profondo.

Vuoi passare subito all’azione e scoprire di più sul protocollo Alkaenergy?

Visita la pagina dedicata, in cui troverai tutte le informazioni e avrai la possibilità di richiedere una coaching gratuita. Clicca sul pulsante qui sotto e clicca sul pulsante che troverai in fondo, per richiedere la coaching gratuita:
https://alkaenergy.it/prenota-coaching-gratuita/
Ti aspetto al prossimo articolo e ai blocchi di partenza con il protocollo.
Ciao!

+ Tempo

+ Energia

+ Difese immunitarie

+ Relazioni

+ Business

Enjoy Alkalife!

[liker]
Tutte le informazioni pubblicate hanno carattere divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni mediche o sostitutive della medicina tradizionale. In caso di patologie pregresse è sempre opportuno rivolgersi preventivamente al proprio medico curante. L’articolo ha intenzione di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Prenota una coaching gratuita e scopri il Protocollo Alkaenergy®

Riceverai i primi consigli per ripristinare il benessere psicofisico e il corretto livello alcalino del tuo corpo

Prenota una consulenza gratuita e scopri il Protocollo Alkaenergy®

Riceverai i primi consigli per ripristinare il benessere psicofisico e il corretto livello alcalino del tuo corpo