fbpx

Memoria sempre giovane? Con lo stile di vita alcalino si può!

la memoria un tesoro

C’è un momento nella vita di ciascuno di noi in cui avvertiamo le prime avvisaglie di deficit di memoria. Può capitare al lavoro, a scuola o nel tempo libero. Dobbiamo ricordare un avvenimento, un nome o una data e proprio non riusciamo a rammentarli. La memoria va tenuta sempre in allenamento, come qualsiasi altra parte del nostro corpo, con esercizi e abitudini corrette, se desideriamo che si mantenga giovane e efficiente.

Pexels Andrea Piacquadio 3808057
Deficit di memoria

Come funziona la memoria

La memoria è una funzione psichica e neurale di assimilazione, attraverso dati sensibili provenienti dall’ambiente esterno e elaborazione delle informazioni attraverso la mente e il cervello. Si attiva in tre fasi distinte supportata dalle nostre capacità cognitive:

  • codifica: è la prima fase, quella di immagazzinamento delle informazioni che segue la fase di attenzione a ciò che ci viene comunicato
  • deposito: serve a mantenere le informazioni immagazzinate nel nostro cervello che vengono collegate tra loro in una vera e propria rete
  • ripescaggio: l’informazione recepita e immagazzinata nella nostra mente deve poter essere ritrovata all’occorrenza, sotto forma di ricordo
Pexels Pixabay 373543
La rete di dati

Nel mondo di oggi, bersagliati come siamo dalle tantissime notizie e informazioni, abbiamo sempre più bisogno di prestare attenzione per poterle selezionare e rammentare al meglio. Sicuramente un buon sonno ristoratore ci aiuta ad avere una buona attenzione e quindi una buona memoria ma ci sono tante interferenze che minano le nostre funzioni cognitive e il nostro corpo (la stanchezza fisica e quella mentale compromettono, infatti, una buona memoria).

Cosa fare per allenare la memoria

In una visione olistica, corpo e mente devono lavorare insieme e lo stile di vita alcalino, il movimento e una mente attiva aiutano a restare giovani di testa. Una corretta alimentazione è il primo step utile per nutrire in modo adeguato la mente (si dice infatti mangiare con la testa e per la testa). La gestione delle emozioni è un’altra condizione imprescindibile per avere una memoria efficiente e un corpo alcalino riesce a provare emozioni positive (grazie alla maggior serenità) e a gestire meglio quelle negative (con maggior energia). Occorre adottare delle abitudini positive per poter fare pulizia fisica e mentale, tralasciando tutto ciò che è superfluo per concentrarsi solo sulle informazioni essenziali per noi. Attivando una maggior intenzionalità a rammentare qualcosa, la memoria trae giovamento da questo continuo allenamento.

Esercizi per avere una memoria sempre giovane

Nel macro mondo delle informazioni che quotidianamente ci bombardano, dobbiamo imparare a classificare, a categorizzare (la classificazione deve essere fatta rispetto ai bisogni e agli stimoli che ci necessitano). Cerchiamo quindi di effettuare delle associazioni mentali e altri esercizi che stimolino la memoria, aiutandola a restare attiva e giovane.

Alcune tecniche ci vengono in supporto:

  • tecnica PQRST: aiuta a schematizzare i testi scritti e a memorizzarli nelle mappe mentali
  • utilizzare le 5 W: facciamoci le classiche domande (chi, cosa, dove, quando, come) quando sentiamo un discorso, un racconto di un fatto o leggiamo un testo o una notizia. Impariamo a essere critici e schematici
  • tecnica EMAICE: alleniamo anche la memoria visiva. Ogni volta che pensiamo a qualcosa da memorizzare, costruiamo un “film” che trasmetta emozioni positive e ci aiuti a ricordare nel tempo.
  • tecnica dei LOCI: in ogni angolo dell’ambiente in cui viviamo, sistemiamo un oggetto che dobbiamo ricordare
Pexels Pixabay 163726
Classificare le informazioni

Allenare la memoria insieme a un’alimentazione alcalinizzante con la corretta respirazione e il movimento aiutano a restare concentrati, a focalizzarci sulle emozioni positive e a farci vivere in uno stato di benessere costante.

Una linfa alcalina, non più acida a causa del nostro stile di vita, è in grado di aumentare considerevolmente e in maniera rapida la performance stessa del cervello (che è immerso nella sistema linfatico) perché permette allo stesso di restare sempre in una situazione primordiale. Le reazioni chimiche della nostra mente ne traggono beneficio così come la nostra memoria.

+ Tempo

+ Energia

+ Difese immunitarie

+ Relazioni

+ Business

Enjoy Alkalife!

Ti è piaciuto questo articolo?

Anna Cantagallo

Anna Cantagallo

Mente e cervello

Anna Cantagallo è medico neurologo e fisiatra e da sempre si occupa della salute e della bellezza del nostro organo più importante, il cervello. Nel centro clinico BrainCare, di cui è cofondatrice e di cui ha la direzione scientifica, grazie ad un team inter-professionale, lavora senza trascurare nessun bisogno della mente e del fisico, per tutte le età e i livelli di abilità.

Tutte le informazioni pubblicate hanno carattere divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni mediche o sostitutive della medicina tradizionale. In caso di patologie pregresse è sempre opportuno rivolgersi preventivamente al proprio medico curante. L’articolo ha intenzione di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LIBERA LA TUA ENERGIA!

Torna su

Prenota una coaching gratuita e scopri il Protocollo Alkaenergy®

Riceverai i primi consigli per ripristinare il benessere psicofisico e il corretto livello alcalino del tuo corpo

Prenota una coaching gratuita e scopri il Protocollo Alkaenergy®

Riceverai i primi consigli per ripristinare il benessere psicofisico e il corretto livello alcalino del tuo corpo